Neive che deve il proprio nome alla gens Naevia, nobile famiglia romana della quale fu un possedimento, è uno splendido borgo situato nelle Langhe Occidentali fra Barbaresco e Castagnole delle Lanze, a poco più di 10 km da Alba in direzione di Asti. La parte più antica del paese è rimasta praticamente intatta. Per la ricchezza dei vigneti e del commercio, l’importanza strategica e la bellezza del luogo, Neive “alta” fu da sempre scelta come residenza della nobiltà terriera e della ricca borghesia, dotandosi di splendidi palazzi e acquistando il soprannome di «pais di sgnuret» («paese dei signorotti»).

Il centro storico conserva un impianto medievale che si addensa nella parte alta ove rimangono alcune vestigia del ricetto, anche se l'antico castello andò precocemente distrutto nel 1276, nel corso di una delle tante guerre tra i comuni di Asti ed Alba.

Dell'antico borgo si è mantenuta l'atmosfera in virtù delle tortuose stradine acciottolate che si dispongono ad anelli attorno alla sommità dell'altura o che salgono verso la Torre dell'Orologio (XIII secolo), simbolo dell'antica municipalità.
Il cuore del borgo è rappresentato da Piazza Italia: quasi un salotto settecentesco nel quale si affacciano soprattutto le sedi amministrative del paese. Si nota subito un palazzo bianco – l'antico Palazzo del Municipio - con archi e lesene slanciate, che reca in alto, sotto l'orologio, un vistoso stemma comunale.Gli uffici del Comune trovano oggi posto, dall'altro lato della piazza, in un edificio con la facciata in mattoni a vista, Palazzo Borgese.

Altre memorie storiche sono rappresentate dai numerosi palazzi in cotto: La Casaforte dei Conti Cotti di Ceres, Il Palazzo della contessa Demaria, Il Palazzo dei Conti di Castelborgo.

Tra gli edifici religiosi – a parte le chiesette di San Rocco e di San Sebastiano, poste ai margini del borgo, quasi guardiani della salute pubblica – si devono menzionare: La chiesa dell'Arciconfraternita di San Michele, La Chiesa parrocchiale dei Ss. Pietro e Paolo,

Neive è anche meta di visite alle aziende vinicole, spesso ospitate in dimore signorili, come il settecentesco Palazzo dei Conti di Castelborgo. Quattro sono i tipi di vino che si producono sulle colline neivesi: Barbera e Dolcetto d'Alba, Barbaresco e Moscato d'Asti.

Neive, which owes its name to the gens Naevia, a noble Roman family of which it was a possession, is a splendid village located in the Western Langhe between Barbaresco and Castiglione delle Lanze, just over 10 km from Alba in the direction of Asti. The oldest part of the village has remained practically intact. For the richness of the vineyards and the trade, the strategic importance and beauty of the place, Neive "alta" was always chosen as the residence of the land nobility and the rich bourgeoisie, acquiring splendid palaces and acquiring the nickname "pais di sgnuret »(« Village of the squires »).
The historic center preserves a medieval layout that thickens in the upper part where some vestiges of the shelter remain, even if the ancient castle was destroyed early in 1276, during one of the many wars between the municipalities of Asti and Alba.
The atmosphere of the ancient village has been maintained by virtue of the winding cobbled streets that are arranged in rings around the summit of the hill or rising towards the Clock Tower (XIII century), symbol of the ancient municipality.
The heart of the village is represented by Piazza Italia: almost an eighteenth-century parlor in which the administrative offices of the town appear above all. You immediately notice a white building - the ancient Palazzo del Municipio - with slender arches and pilasters, which bears a striking municipal coat of arms above the clock,the offices of the Municipality are today placed, on the other side of the square, in a building with exposed brick facade, Palazzo Borgese.
Other historical memories are represented by the numerous terracotta buildings: La Casaforte of the Conti Cotti of Ceres, The Palace of the Countess Demaria, The Palace of the Counts of Castelborgo. Among the religious buildings - apart from the small churches of San Rocco and San Sebastiano, located at the edge of the village, almost guardians of public health - we must mention:

The church of the Archconfraternity of San Michele, The parish church of Ss. Pietro e Paul.
Neive is also a destination for visits to wineries, often housed in stately homes, such as the eighteenth century Palazzo dei Conti di Castelborgo. There are four types of wine that are produced on the Neivese hills: Barbera and Dolcetto d'Alba, Barbaresco and Moscato d'Asti.

1/5